Agoaspirato Tiroideo

L’agoaspirato tiroideo con ago sottile (FNAB = fine needle ago biopsy) è una metodica routinaria di studio dei noduli tiroidei. E’ di semplice esecuzione tecnica, non dolorosa, virtualmente priva di rischi per il paziente. Può pertanto essere eseguita ambulatoriamente, senza necessità di ospedalizzazione https://youtu.be/JfIY9VMw2DE

E’ indispensabile associare l’esecuzione dell’agoaspirato tiroideo allo studio clinico, funzionale e morfologico.

Come si esegue l’agoaspirato tiroideo

Il paziente viene tenuto in posizione distesa sul lettino, con il collo iperestesoimage-28Fig 1 Posizionamento dell’ago nel nodulo.

La contemporanea ecografia consente di identificare i noduli da aspirare. Funge inoltre da guida per essere sicuri che l’ago sia all’interno del nodulo. L’esecuzione dell’esame in ecoguida aumenta in modo rilevante la sensibilità dell’esame.

Non è necessario alcun tipo di anestesia

Gli aghi utilizzati sono piccoli e ciò permette di ottenere un buon quantitativo di materiale senza causare dolore. Dopo aver inserito l’ago nel nodulo si effettua un rapido movimento di rotazione, che consente un prelievo diffuso. Nel caso di noduli di grosse dimensioni può essere necessario eseguire più di una puntura in aree diverse della formazione.

Quando la puntura viene eseguita su un nodulo con ampia componente liquida si cerca di aspirare la maggior quantità possibile di liquido https://youtu.be/7VzElSrObis

Il materiale viene quindi strisciato su vetrino e fissato con l’apposito spray. Dopo colorazione secondo Giemsa o Papanicolau si procede alla lettura al microscopio. In una percentuale compresa tra il 5% e 15% può essere necessario ripetere il prelievo. Ciò avviene se la quantità di cellule aspirate è scarsa.

Che cosa aspettarsi dalla citologia tiroidea su agoaspirato tiroideo

L’agoaspirato tiroideo può essere di utilità diagnostica o di screening. La lettura dei preparati ottenuti dall’agoaspirato tiroideo permette una diagnosi definita in alcuni casi (fig 2-3).

Fig. 2 aspetto citologico su agoaspirato tiroideo caratteristico di cellule benigne
Fig. 2 aspetto citologico su agoaspirato tiroideo caratteristico di cellule benigne
Fig. 3 aspetto citologico su agoaspirato tiroideo di tumore papillare della tiroide
Fig. 3 aspetto citologico su agoaspirato tiroideo di tumore papillare della tiroide

Non sempre la citologia tiroidea distingue fra nodulo benigno e maligno.

Esso può mostrare un aspetto di abbondante cellularità con atipie di grado modesto. Queste possono essere presenti anche in lesioni benigne.

In questa evenienza, quindi, la citologia su agoaspirato tiroideo riveste un ruolo di screening dei noduli maggiormente sospetti. Consente cioè di stabilire quali pazienti indirizzare all’intervento chirurgico perché a rischio maggiore di malignità.

Non vi sono in genere complicanze dell’esame. Sono stati descritti rari casi di sanguinamento all’interno del nodulo. Questi non hanno conseguenze rischiose.

Non vi è rischio di disseminare eventuali cellule cancerose lungo il percorso dell’ago. Ciò vale per i tumori tiroidei differenziati, che sono la maggioranza dei tumori.

E’ stata osservata, in alcuni casi, disseminazione di cellule nei rari tumori anaplastici della tiroide. Questi sono tumori molto aggressivi e il quadro clinico è spesso diagnostico.

Tuttavia la possibilità di distinguere il carcinoma anaplastico dal linfoma tiroideo rende necessaria l’esecuzione dell’esame. Nei due casi, infatti, la terapia varia di molto.

Conclusioni

L’agoaspirato tiroideo e la successiva lettura della citologia tiroidea forniscono un grado più o meno elevato di sospetto diagnostico.  Consentono di selezionare i pazienti da indirizzare al chirurgo.

E’ necessario che la lettura dei preparati sia fatta da un medico con grande competenza ed esperienza. L’integrazione dei dati risultanti da esame clinico, ecografia e citologia su agoaspirato tiroideo permette di stabilire il miglior approccio alla cura.

Presso lo Studio di Endocrinologia Lo Coco, Palermo, queste valutazioni vengono eseguite con il massimo scrupolo e con competenza.

L’Agoaspirato Tiroideo viene eseguito ambulatoriamente e consente, mediante l’aspirazione con un ago di 23 G (come un ago per iniezione intramuscolo) di prelevare, dal nodulo tiroideo, un campione di cellule da sottoporre ad esame citologico relativo.

Lo Studio di Endocrinologia Lo Coco a Palermo effettua questo tipo di esame presso lo Studio di Monreale.

Il video che segue mostra l’ Agoaspirato Tiroideo eco-guidato di un nodulo tiroideo “cistico”. Contenuto video proposto dallo Studio di Endocrinologia Lo Coco di Palermo.

L’esecuzione della tecnica dell’ Agoaspirato Tiroideo eseguito e illustrato dall’ Endocrinologo Dott. Alessio Lo Coco responsabile della sezione di “Screening dei tumori tiroidei” dello Studio di Endocrinologia Lo Coco di Palermo.

Condividi sui Social:Share on Facebook
Facebook
6Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin