obesità: sette chili in sette giorni?

Il titolo del famoso film di Verdone dava spazio al desiderio di tutte le persone che soffrono di obesità: perdere molto peso in pochi giorni. Il risultato promesso sarebbe stato raggiunto con il ricorso a tecniche e terapie particolari.

Noi sappiamo che in realtà l’unico modo per dimagrire e soprattutto per mantenere il peso raggiunto, consiste nel sottoporsi ad una corretta alimentazione e nell’aumentare l’attività fisica. Il peso deve inoltre essere perduto lentamente.
Esistono alcune alterazioni del metabolismo che possono essere alla base di un aumento di peso: alcune malattie della tiroide come l’ipotiroidismo o un aumento di funzione dei surreni si accompagnano a rilevante aumento di peso.

L’iperinsulinemia accompagna spesso l’obesità. Questa alterazione del metabolismo, che consiste in un aumento dei livelli circolanti dell’ormone insulina, deve sempre essere ricercata con gli appositi esami. Questo ormone serve a mantenere nella norma i valori della glicemia. L’eccesso di peso e le caratteristiche genetiche rendono l’organismo meno sensibile all’azione dell’insulina. Il pancreas, la ghiandola che secerne insulina, ne forma quindi una quantità maggiore per ovviare alla riduzione della sua capacità di agire sulle cellule. L’insulina in più mantiene nella norma la glicemia ma ha effetti avversi sul cuore, sulla circolazione, sulle ovaie; studi degli ultimi anni tendono a mostrare una sua capacità di favorire la crescita di tumori. L’insulina in eccesso tende a far aumentare la massa grassa e rende più difficile la perdita di peso.

Una accurata visita medica, che viene eseguita presso lo Studio di Endocrinologia Lo Coco – Palermo, con l’indicazione a eseguire gli eventuali, necessari esami, è alla base della terapia dell’obesità.
Verranno poi date le corrette indicazioni per la correzione delle alterazioni ormonali, se esistenti e per la adeguata alimentazione.
In tal modo, con la stretta collaborazione del paziente, sarà possibile raggiungere e mantenere gli obbiettivi prefissi.

Condividi sui Social:Share on Facebook
Facebook
42Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin